CITTANOVESE: LE PAROLE DI ZITO E CONDOMITTI

di Fabio D'Alessandro
articolo letto 279 volte
Foto

ZITO

“All’orizzonte – ha esordito il tecnico – abbiamo la classica partita che, sotto l’aspetto mentale, si prepara da sola. Ogni calciatore vorrebbe giocarla, mettendosi a disposizione del gruppo e del mister. La Nocerina arriva a questo appuntamento da prima in classifica, ed è normale che l’attenzione del mondo sportivo sia concentrata su quello che succederà al “Morreale – Proto”. I campani vogliono tornare nel palcoscenico che gli compete, ovvero tra i professionisti. E molto delle loro chance passerà dalla sfida di Cittanova. Dunque, in questo senso, il loro obiettivo è unico ed è la vittoria. Detto questo, noi scenderemo in campo per fare bene. Chi si immagina una partita ad una sola porta sbaglia approccio. La Cittanovese vuole trovare i punti che mancano per la salvezza matematica e vuole cancellare l’immeritata sconfitta dell’andata”.

Come arrivano i giallorossi a questo appuntamento?

“Fatta eccezione per lo squalificato Taverniti – ha sottolineato Zito – ho tutto l’organico a disposizione. In settimana ho visto voglia e determinazione da parte dei ragazzi, ed anche stamattina, in rifinitura, ho dovuto frenare l’intensità dell’allenamento. Senza dubbio, siamo di nuovo in crescita. E non è banale il fatto che, ancora, rimangono dubbi sull’undici da schierare e sul modulo. I miei calciatori sono riusciti a mettermi positivamente in difficoltà. Certo, di fronte avremo una corazzata piena di qualità e di motivazioni, e noi saremo chiamati a scalare una montagna mettendo in campo una prestazione ai limiti della perfezione. Ma da questo punto di vista abbiamo preparato tutto nei dettagli”.

Ma che partita sarà quella contro la Nocerina?

“Sicuramente una partita bella e dai temi tattici importanti – ha scandito l’allenatore – dove risulteranno determinanti l’approccio, l’intensità, la concentrazione e i cambi. Nel girone di ritorno i rossoneri hanno mutato filosofia di gioco. Hanno trovato maggiore equilibrio tra i reparti, rafforzando il dato che li vuole migliore difesa del torneo. In avanti, forse, la proposta è meno massiccia rispetto a qualche mese fa, ma conta relativamente, perché la qualità dei singoli riesce, alla lunga, a determinare l’esito di un incontro. Obiettivamente, il loro organico è di livello superiore”.

Quali sono gli errori da non commettere?

“In parte li ho già detti – ha risposto Zito – in parte possono riguardare le distrazioni ambientali. L’entusiasmo sugli spalti sarà tanto, da una parte e dell’altra. Farsi trascinare nell’emotività sarebbe un errore fatale. Noi dobbiamo guardare al campo rimanendo concentrati per 95’. Non possiamo commettere neanche un errore. Se lo facciamo, perdiamo la gara”.

 

CONDOMITTI

Al rientro dopo una squalifica di tre giornate, il capitano giallorosso Giovanni Condomitti è pronto per gettarsi nuovamente nella mischia. Con maggiori energie e tante motivazioni.

“Il morale del gruppo è alto – ha ammesso il centrocampista – e i risultati positivi ottenuti contro Isola e Portici hanno contribuito a rafforzare alcune certezze in vista del finale di stagione. In questo momento siamo quasi al completo, ed è un fattore cruciale. Peccato per la squalifica di Davide Taverniti. La Nocerina verrà a Cittanova obbligata alla vittoria e forte di un bagaglio tecnico notevole. Ma questo per noi è solo uno stimolo in più”.

Nel girone d’andata un tuo gol consentì alla Cittanovese di raggiungere una storica vittoria contro la Vibonese. Sogni un nuovo acuto decisivo?

“Quella fu una vittoria del gruppo – ha spiegato il capitano giallorosso – frutto di sacrificio e determinazione. Domani conterà fare bene come collettivo, mettendo in campo il cuore le la testa. Poi ognuno sarà chiamato a dare tutto, me compreso”.

 


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI